IMG_9246
FullSizeRender
Cropped-sud-castello
Castellodipagazzano1
IMG 9246 FullSizeRender Cropped Sud Castello Castellodipagazzano1

Il castello di Pagazzano fu costruito a partire dal XIV secolo, quando la città era sottoposta al dominio di Bernabò Visconti. A quest’epoca risalgono l’impianto quadrangolare, il mastio all’ingresso e l’ala di nord-est. In quel corpo di fabbrica, dove si svolgevano le cerimonie di rappresentanza, sono emerse tracce della decorazione ad affresco tre-quattrocentesca. Dopo diversi passaggi di proprietà, nel 1454 il castello pervenne ai fratelli Pietro e Sagramoro Visconti, del ramo di Brignano. In questo periodo il palazzo fu ampliato e rinforzato con l’introduzione della cortina muraria a scarpa e dell’apparato a sporgere, l’allargamento del fossato, la costruzione delle torri angolari, dell’antiporta e il rinforzo del mastio d’ingresso. In questa fase storica l’edificio assunse un ruolo strategico significativo in quanto baluardo difensivo del Fosso Bergamasco, allora confine di stato. Nel corso del XVI secolo la rocca venne modificata a scopo residenziale e arricchita con nuove decorazioni. Nel 1551 l’arciprete Galeazzo Visconti, proprietario del castello, fece costruire il palazzo nell’angolo sud-ovest demolendo le strutture difensive esistenti. Altri interventi furono realizzati nel Settecento, quando il castello divenne proprietà della famiglia Bigli di Milano che fece costruire la scala a ventaglio, rinnovare le aperture e realizzare nuovi apparati decorativi. A quest’epoca risale anche la demolizione del rivellino, la cui esistenza è testimoniata dalle mappe del Catasto Teresiano.

Il castello di Pagazzano ospita al suo interno: il Museo della Civiltà Contadina, il M.A.G.O. Museo Archeologico delle Grandi Opere e il Museo storico “Pagazzano e i castelli di confine”.

Informazioni Utili

Per informazioni e visite: www.comune.pagazzano.bg.it

Ufficio tecnico: 0363/814629 – 11